fbpx

COME SI STRUTTURA UN VIDEO PER LE ADS?

video ads

Quanto è importante oggi sfruttare al meglio tutti gli asset strategici e gli strumenti multimediali per le vostre campagne ads? Si può dire che non è importante ma fondamentale!

Viviamo nell’era digitale e chi si occupa di Digital Marketing sa già che per poter raggiungere obiettivi importanti, attrarre, fidelizzare, coinvolgere e informare il proprio pubblico bisogna focalizzarsi anche e soprattutto sul contenuto.

La famosa citazione “Content is King” di Bill Gates, se pur datata (1996), resta ancora attuale e utile a focalizzarci sull’idea che strategia, pianificazione e contenuto siano in stretta correlazione tra loro.

In questo discorso entra a gamba tesa il riferimento al content marketing e se prendiamo in riferimento l’inflazionata indagine Wyzowl del 2019 ci accorgiamo che non vi è eccezione a questa regola.

Quali sono le modalità migliori per proporre un contenuto al fine di attrarre nuovo pubblico e fidelizzare l’audience già acquisita? Tantissimi e oggi non faremo un elenco completo di queste ma ci vogliamo focalizzare su una modalità ben precisa ovvero quella del video marketing e ancora più specificatamente sui Video realizzati per le ads.

Vediamo insieme come si realizza un video destinato per l’advertising e come strutturarlo al meglio.

quiver marketing

Video per le Ads: cosa, come e perché

Stai scrollando il tuo feed di Instagram, la tua home di Facebook e dopo pochi secondi ti ritrovi davanti ad un video che potrebbe iniziare con: “Sei un amante dei viaggi e stai cercando la prossima città da visitare?”. Ora tu sei un viaggiatore e ami scoprire posti nuovi quindi in qualche modo il video ha già attirato la tua attenzione.

Sei davanti ad un video ads che è stato realizzato proprio per questo. C’è chi ha speso soldi e tempo proprio per attirare la tua attenzione. Ecco qual è uno dei primi obiettivi di un Video realizzato per le Ads (oltre a quello di generare valore e detto papale, papale fare soldi!).

Il Video Advertising è ormai una vera e propria arma di promozione pubblicitaria nata dalla necessità di andare incontro ai cambiamenti delle abitudini di consumo degli utenti. Consumatori e clienti, trasformati in pubblico, vogliono ascoltare e conoscere una storia piuttosto che semplicemente essere bombardati da offerte promozionali.

Ecco spiegati altri 3 obiettivi fondamentali di questa tecnica: trovare le persone giuste, raccontare una storia coinvolgente e instaurare relazioni più forti.

Per fare questo il marketing utilizza le produzioni video professionali, ormai parte integrante della maggior parte delle strategie di content marketing (leggi i risultati dell’indagine Wyzowl) .

Va da se che gli obiettivi fondamentali citati in precedenza (trovare le persone giuste, raccontare una storia coinvolgente e instaurare relazioni più forti) si traducono in traguardi concreti: raggiungere nuovo pubblico, creare una connessione emotiva con il pubblico e conquistare la fiducia del pubblico.

Molto semplice vero? Non è proprio così. Per sfruttare al meglio tutte queste potenzialità bisogna essere in grado di strutturare questa tipologia di video (e non stiamo parlando di videomaking ma di creatività!).

Come strutturare al meglio un video per le Ads

Lavori nel mondo del digital marketing e stai pianificando una nuova campagna. Sei arrivato al punto di dover realizzare un video per le ads in grado di raggiungere gli obiettivi prefissati. Come puoi farlo? Cosa devi fare prima ancora di contattare un videomaking e/o una produzione video che si occupi di realizzare la clip che sponsorizzerai?

Mettiti seduto davanti al tuo caro amico pc/mac e inizia a scrivere il video che vuoi realizzare.

Per farlo devi sapere che la prima cosa che dovrai fare è quella di creare il tuo uncino!

video ads

Creare un uncino

Come si crea un uncino? Partendo da un piccolo intro che non abbia un durata eccessiva. Hai pochi secondi per attirare l’attenzione dell’utente e spesso bisogna essere in grado di spiazzarlo.

Sono i primi secondi del video, il momento in cui viene visualizzata la nostra sponsorizzata e anche quello dove si perdono la maggior parte degli utenti.

Il tuo “hook” dovrà essere breve e semplice. Ricorda che il focus non sei tu ma il pubblico a cui ti rivolgi.

Consiglio: inizia con una storia o fai una domanda spiazzante che nessuno si aspetterebbe.

video marketing

Creare agitazione senza esagerare

Hai utilizzato il tuo uncino per attirare l’attenzione dell’utente e ci sei riuscito: bravo!

Sono passati pochi secondi e per evitare che scappi via devi essere in grado di creare agitazione. Questo non vuol dire che devi simulare un attacco nucleare (di questi tempi non sarebbe di certo l’ideale!).

Devi iniziare a prendere per la pancia l’utente ovvero andare a toccare le emozioni del tuo spettatore. Fai leva sulle passioni, paure, desideri attraverso delle domande, mostrando una trasformazione e identificando il problema.

Qual è il problema del tuo pubblico? Raccontalo e mostralo, dichiara il problema in modo chiaro e conciso e utilizza il linguaggio dei tuoi utenti.

Cerca di capire bene come i tuoi utenti si esprimono e di cosa parlano.

Due consigli importanti: come prima cosa non agitare in modo negativo senza un motivo valido. Poi cerca di fare in modo di poter innescare una risposta attraverso un engagement diretto o indiretto da parte dello spettatore.

Solitamente è consigliato far leva sul dolore, il piacere e l’eccitazione. Qui dovrai essere bravo a ricercare emozioni primarie così da poter polarizzare al meglio il messaggio.

Devi portare il tuo spettatore/utente a cercare una soluzione. Solo dopo aver fatto questo in pochi secondi potrai passare allo step successivo.

Offrire una soluzione

Il tuo uncino è servito ad attirare l’attenzione dell’utente che è restato a guardare il video anche grazie al fatto che, creando agitazione, lo hai catturato facendo affidamento sulle sue emozioni. Sappi che sei solo a metà strada!

Nei prossimi secondi ti giochi tutto: serve una soluzione!

L’obiettivo qui è quello di creare un’immagine della soluzione (la tua offerta) e come può aiutare il tuo pubblico a trasformare i propri obiettivi e sogni in realtà.

Comunica in modo chiaro e diretto al tuo pubblico qual è la soluzione e spiega nel miglior modo possibile come ottenerla e perché funzionerà.

È chiaro che la soluzione offerta deve seguire una logica argomentativa tale da non sembrare banale.

Ti sarà sicuramente capitato tantissime volte di guardare Video ads dove ti viene fatta la promessa di una svolta di vita ma la soluzione proposta è presentata male. Fare questo significa letteralmente pensare di stare a parlare con un idiota.

Il mondo è sì pieno di idioti (è vero!) ma pensare di parlare ad un idiota significa entrare a far parte di questa cerchia. E tu sicuramente non sei un idiota quindi applica ragionamenti e argomentazioni sottili che vadano al di la dell’1+1=2.

ads video

Call to action: se non agiscono hai perso!

Hai fatto tutto questo per arrivare a questo momento: far agire il tuo utente. Se questo non accadrà allora hai perso: game over.

Hai gli ultimi secondi del video per evitarlo e devi lanciare una call to action!

Spesso in questa fase finale ci si aiuta con delle domande ma prima di formularle devi ragionare su quale azione vuoi che il tuo pubblico intraprenda? A quale tipo di pubblico e fase del processo di acquisto stai mirando? Cosa dovrebbero aspettarsi dopo aver fatto clic sul tuo annuncio?

Ecco perché è cosa buona e giusta analizzare se usare una call to action diretta o indiretta (esempio banale “compra” oppure “scopri di più”).

Non sottovalutare questo aspetto perché ormai gli utenti sono informati, si sono alfabetizzati (non tutti purtroppo) a questo tipo di modalità e non devi assolutamente scambiare la semplicità con la banalità.

E la metrica per valutare l’efficacia del tuo Video Ads è semplice: ha cliccato? Bene, sei stato bravo!

Ora si spera che facciano quello che ti sei prefissato: in qualche modo spendere i loro soldi per il prodotto/servizio che stai pubblicizzando. Ma questa è un’altra storia … .

Utile questo articolo?

Leggi tutti gli articoli del nostro Blog (qui)

Newsletter

Iscriviti per ricevere le news e conoscere i nuovi trend del Digital Marketing e del Growth Hacking!

Centinaia di utenti stanno già ricevendo idee, strategie e contenuti per crescere online. Cosa aspetti? Unisciti a loro e iscriviti ora!

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

2020 © Quiver Marketing - Tutti i diritti riservati -
P.IVA 02663090690

Privacy Policy

Caso studio

Abbiamo dedicato un po’ del nostro tempo a mettere per iscritto uno tra i lavori di cui andiamo più fieri.
Se fai parte di una startup o vuoi vendere online prodotti ad alto valore percepito ti consigliamo la lettura.
Sono 15 minuti di lettura ricchi di spunti utili.