Dati e-commerce: ecco come estrarre informazioni dettagliate

Se gestisci o hai in mente di aprire un’attività di e-commerce, sappi che dovrai impostare Google Analytics per avere informazioni significative rispetto alle tue vendite.  

Molti imprenditori utilizzano in modo insufficiente le loro analisi di e-commerce, cadendo nella trappola di lasciare soldi sul tavolo o apportare “miglioramenti” che fanno più male di quanto non aiutino.

Per evitare questo bisogna sfruttare al meglio questi dati per prendere decisioni consapevoli sulla tua crescita.

Nell’articolo di oggi ti mostriamo come puoi scoprire preziose informazioni sull’e-commerce e iniziare a trasformare l’analisi in azione.

La difficoltà di analisi dell’e-commerce

Se hai difficoltà nell’analizzare le informazioni raccolte per il tuo e-commerce non sentirti un cretino perché non è facile come si possa pensare. Esistono due insidie ​​comuni che impediscono alle aziende di sfruttare l’analisi per far crescere significativamente il proprio business:

  • Uno strumento come Google Analytics traccerà e comunicherà automaticamente tutto ciò che è importante immediatamente. Questo vuol dire che ti ritroverai tanti dati e dovrai procedere con metodo.
  • Il limite di analizzare i dati solo a livello superficiale, aspettandosi risposte specifiche da metriche di alto livello come il traffico complessivo al sito o il tempo medio di coinvolgimento.


Il risultato è che in questo modo si prendono decisioni aziendali sulla base di un quadro incompleto.

Come iniziare con buone domande per ottenere buone risposte

Partiamo da un esempio, quello di Daniel Patricio , il proprietario di  Bull & Cleaver , un’azienda che vende l’autentico biltong, uno spuntino a base di carne molto amato in Sud Africa che è “meglio del tradizionale manzo essiccato”. 

Secondo Patricio, come si legge in un articolo pubblicato sul blog ufficiale di Shopify: “Non esiste un’unica fonte di verità per tutte le tue risposte. Ogni tua analisi risponderà a domande diverse. Quindi la domanda più importante da cui iniziare è: a cosa stai effettivamente cercando di rispondere?”

Cosa vuoi sapere nello specifico sul tuo sito web, sul marketing, sui clienti o sui prodotti e, soprattutto, cosa farai con la risposta?

Una singola buona domanda può portare ad una risposta che riporta a più domande che portano ad ancora più risposte: le buche dei conigli si aprono naturalmente quando inizi a scavare nelle tue analisi. 

Senza una domanda come punto di partenza, tuttavia, rimani a guadare l’analisi dei dati senza una direzione, il che fa perdere tempo quando hai una dozzina di altre cose da fare per far crescere la tua attività.

Le giuste domande da porsi

Ecco quali sono alcune delle domande giuste da porsi quanto dobbiamo analizzare dei dati:

Come è cambiato nel tempo il traffico verso le nostre landing page?

Quanti visitatori aggiungono un articolo al carrello senza effettuare il check-out?

Dove sto perdendo la maggior parte delle persone nel processo di pagamento?

Qual è la probabilità di acquisto dei visitatori delle campagne sui social media rispetto ai visitatori delle campagne e-mail?

L’aggiunta di quel pop-up al tuo sito web due mesi fa ha aiutato o danneggiato le conversioni?

Come si comportano i visitatori sulla nostra pagina del negozio?

Cosa possiamo imparare dalle nostre pagine prodotto?

Qual è stato il ritorno sull’investimento della mia campagna Google Ads il mese scorso?

La buona notizia è che l’ultima versione di  Google Analytics, una popolare piattaforma di analisi gratuita che probabilmente utilizzerai, rende più facile trovare e assimilare informazioni dettagliate, confrontare il comportamento tra diversi segmenti del tuo pubblico e personalizzare rapporti.

Per molte informazioni di base, ad esempio quante conversioni sono state generate dalla ricerca organica rispetto alla ricerca a pagamento, o quali sono i principali domini che inviano traffico da referral al tuo sito in questo trimestre, puoi persino digitare ciò che stai cercando nella barra di ricerca per ottenere una risposta rapida da Analytics Intelligence prima di approfondire.

Per impostazione predefinita, i rapporti in Google Analytics si basano su tutti gli utenti del tuo sito, ma facendo clic su Modifica confronti puoi anche confrontare più segmenti di pubblico in una varietà di dimensioni, come “utenti che hanno effettuato un acquisto” e “utenti che hanno aggiunto a carrello senza acquisto” per cercare modelli che potrebbero aumentare le probabilità che un utente completi l’acquisto.  

A seconda della tua configurazione, tuttavia, il tuo strumento di analisi pronto all’uso potrebbe non essere sufficiente per trovare informazioni più dettagliate e potrebbe richiedere alcune personalizzazioni, come cercare in una piattaforma separata come il tuo negozio Shopify o persino impostare un nuovo strumento di analisi completamente. 

ecommerce marketing

Come espandere le tue analisi per le risposte giuste

I modi per ovviare al fatto che serve una personalizzazione della ricerca per estrapolare informazioni dettagliate, ti segnaliamo 5 modi:

Abilitazione del monitoraggio e-commerce avanzato in Google Analytics in  modo da poter monitorare le singole fasi (come visualizzazioni del prodotto, aggiunta al carrello, ecc.) nel processo di acquisto per prodotti specifici

Creazione di eventi personalizzati in Google Analytics  per tenere traccia delle microconversioni come le iscrizioni a newsletter

Personalizzare le tue colonne nel tuo Gestione inserzioni di Facebook in  modo da poter misurare la frequenza con cui il tuo pubblico vede le tue inserzioni o il costo per pagina come

Generazione di un rapporto personalizzato in Shopify  per analizzare quali prodotti i tuoi clienti restituiscono più spesso

Implementazione di mappe di calore tramite uno strumento come Hotjar  o Lucky Orange (app Shopify)  per analizzare il comportamento di navigazione sulle pagine dei tuoi prodotti per vedere quali sezioni stanno catturando la loro curiosità.

Dove cercare approfondimenti sull’e-commerce e come trasformare le risposte in azioni

Tornando a Patricio, proprietario di  Bull & Cleaver, secondo lui ci sono due posti di lavoro che i dati possono avere.

Gestione aziendale: supporto alle decisioni su reinvestire nella tua attività, ricostituire l’inventario, perfezionare la messaggistica del tuo sito Web, ecc.

Ottimizzazione del canale: supporta le decisioni per canali specifici su dove allocare il budget, quali annunci ridimensionare, su quali segmenti di pubblico o tattiche raddoppiare, ecc.

Le persone commettono l’errore di usare lo stesso strumento per fare entrambi i lavori. Se stai guardando Facebook, Google o la tua piattaforma di email marketing- si legge nell’articolo pubblicato su Shopify- ognuno di loro vuole che tu creda che i loro strumenti di misurazione siano la fonte della verità per tutto, ma non lo sono, né dovrebbero esserlo”.

Usa Facebook per illustrare: “Puoi fidarti di Facebook per le percentuali di clic, la frequenza dei tuoi annunci visualizzati, il modo in cui le persone reagiscono a loro e quali stanno ricevendo un buon feedback. Ma se stai cercando di misurare cosa succede dopo che sono atterrati sul tuo sito o hanno acquistato in base all’impatto delle tue inserzioni su Facebook, potresti ottenere una risposta meno utile”. 

Patricio afferma che ciò è particolarmente vero in quanto le modifiche alla privacy rendono più difficile l’attribuzione.

quiver marketing

Come dividere le informazioni sull’ecommerce

Patricio, il proprietario di  Bull & Cleaver, nell’articolo sul blog di Shopify racconta che lui divide le informazioni sull’e-commerce in tre bucket:

Le informazioni sul sito Web si basano su come si comportano le persone dopo essere atterrate sul sito e su cosa fanno clic, trascorrono del tempo, compilano e scorrono oltre.

Le informazioni di marketing si basano su come le persone interagiscono con i tuoi vari canali e tattiche di marketing, dagli annunci sui social media alle e-mail del carrello abbandonate ai post sponsorizzati.

Le informazioni dettagliate sui prodotti si basano sulle vendite dei prodotti e sull’inventario nel tuo catalogo.

Con così tanti gusti diversi di biltong, una naturale fonte di attrito sulla strada per l’acquisto è decidere quale provare per primo. La soluzione di Patricio è stata un pacchetto di assaggio per i nuovi clienti che hanno provato i suoi prodotti più popolari.

È stato così efficace nel convertire i clienti che ha deciso di estendere questa intuizione a tutta la sua attività, dando la priorità a questi pacchetti rispetto al resto del suo catalogo nella parte superiore della sua pagina /negozio.

Google Analytics ha mostrato che il traffico verso la pagina andava bene ma le conversioni erano in calo. Quindi ha guardato invece uno strumento di mappe di calore per vedere dove stavano andando l’attenzione e i clic dei visitatori.

Quello che ha scoperto è che le persone saltavano i fasci e scorrevano verso il basso. Una volta che ha visto i dati, è sembrato ovvio: gli acquirenti avrebbero voluto saperne di più sui singoli prodotti prima di acquistare un pacchetto.

È stato in grado di correggere il corso grazie a questo ciclo di feedback, spostare i pacchetti di prova più in basso e migliorare il tasso di conversione sulla pagina /shop di quasi il 20%.

“La maggior parte delle nostre vendite provenivano dalla nostra home page, dalla pagina di Biltong tradizionale e dalla pagina di Droewors. Abbiamo ridotto le priorità per inviare più traffico ai pacchetti di prova, che sono molto apprezzati dagli acquirenti per la prima volta”.

In conclusione

È più facile sperimentare con sicurezza in questo modo quando puoi monitorare i compromessi e gli effetti a valle nel tempo di decisioni significative come ridistribuire il tuo traffico in questo modo. Se si scopre un impatto negativo di qualche tipo, l’analisi può fungere da tripwire.

È facile saltare a conclusioni basate sulle prestazioni di una singola metrica, quindi è importante chiedersi quali altre metriche correlate potrebbero influenzarla? 

L’analisi dell’e-commerce all’inizio può essere travolgente e nessuno diventa esperto di dati dall’oggi al domani. Ma nel tempo, domanda dopo domanda e risposta dopo risposta, puoi imparare a essere curioso riguardo a diverse aree della tua attività e dove cercare le risposte.

Hai deciso di aprire un e-commerce?

Dai un’occhiata alla nostra Guida gratuita (qui)

Scopri di più sul nostro team (qui)

Newsletter

Iscriviti per ricevere le news e conoscere i nuovi trend del Digital Marketing e del Growth Hacking!

Centinaia di utenti stanno già ricevendo idee, strategie e contenuti per crescere online. Cosa aspetti? Unisciti a loro e iscriviti ora!

Utilizziamo Sendinblue come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Sendinblue per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso

2020 © Quiver Marketing - Tutti i diritti riservati -
P.IVA 02663090690

Privacy Policy

Caso studio


Abbiamo dedicato un po’ del nostro tempo a mettere per iscritto uno tra i lavori di cui andiamo più fieri.

Vuoi ottenere gratis una strategia utile a far crescere il tuo fatturato online?

Sono 15 minuti di lettura ricchi di spunti utili. 

Scaricala subito.