campagne pubblicitarie famose

Campagne pubblicitarie famose: 10 spot più belli di sempre

   Tempo di lettura 28 minuti
Array

Nel mondo dell’advertising alcuni spot pubblicitari hanno lasciato un’impronta indelebile nella memoria collettiva, diventando veri e propri capolavori dell’arte di vendere un prodotto o un servizio. 

Queste campagne pubblicitarie famose hanno il potere di trasportarci in mondi fantastici, farci emozionare, ridere o riflettere e talvolta persino cambiare il nostro modo di vedere il mondo.

In questo articolo esploreremo 10 dei più belli e iconici spot pubblicitari di tutti i tempi. Da brevi filmati che hanno segnato un’epoca a campagne lungimiranti che hanno ridefinito il concetto di advertising, ci immergeremo nelle storie dietro questi annunci indimenticabili. 

Scopriremo come creatività, emozione e una profonda comprensione del pubblico abbiano contribuito a creare campagne pubblicitarie che restano nella memoria e nell’immaginario collettivo anche dopo anni dalla loro prima messa in onda.

campagne pubblicitarie definizione

Campagne pubblicitarie: definizione

Le campagne pubblicitarie rappresentano uno dei mezzi più efficaci per promuovere prodotti, servizi o idee al pubblico. Sono una forma di comunicazione creativa che mira a catturare l’attenzione e a trasmettere un messaggio in modo memorabile. 

Ormai rappresentano un aspetto intrinseco della società moderna, rivestendo un ruolo fondamentale nell’ambito della promozione e della comunicazione. Questo strumento, spesso sottovalutato per la sua onnipresenza, è uno dei mezzi più efficaci per promuovere prodotti, servizi o idee al pubblico. 

Non rappresentano semplicemente un veicolo di informazione, ma piuttosto un’arte di persuasione e di storytelling che sfida costantemente i limiti della creatività e dell’ingegnosità umana.

Le campagne pubblicitarie si distinguono per la loro capacità di catturare l’attenzione del pubblico e trasmettere un messaggio in modo memorabile. Attraverso l’uso di varie forme di media, come spot televisivi, annunci stampa, pubblicità radiofoniche e, più recentemente, digital advertising sui social media, le campagne pubblicitarie cercano di coinvolgere il pubblico in maniera emozionale ed efficace.

Quando una campagna pubblicitaria è ben progettata riesce a creare un legame emotivo tra il marchio e il consumatore. Questo può accadere attraverso l’uso di narrativa, umorismo, musica, simbolismo o qualsiasi altro elemento che possa risuonare con il pubblico target. 

In questo modo una campagna pubblicitaria può lasciare un’impressione indelebile nella mente dei consumatori, associando un marchio a un’idea, un’emozione o un bisogno.

Le campagne pubblicitarie, oltre a promuovere specifici prodotti o servizi, possono anche veicolare messaggi sociali, politici o culturali. In questo contesto, la pubblicità diventa uno strumento per il cambiamento sociale e la consapevolezza.

Nell’era digitale le campagne pubblicitarie hanno assunto nuove forme e piattaforme, abbracciando le potenzialità del marketing online e dei social media. Queste nuove frontiere hanno amplificato il potenziale delle campagne pubblicitarie, consentendo una maggiore personalizzazione e interazione con il pubblico.

Come si fa una campagna pubblicitaria di successo?

Una campagna pubblicitaria di successo è frutto di una pianificazione strategica e di un’attenta esecuzione. Innanzitutto è essenziale definire chiaramente gli obiettivi della campagna, che possono essere aumentare la consapevolezza del marchio, generare vendite, o promuovere un nuovo prodotto. 

Una volta stabiliti gli obiettivi, è importante comprendere il pubblico target in modo dettagliato, includendo dati demografici, interessi, e comportamenti.

La creatività è un altro elemento cruciale. Un messaggio pubblicitario deve essere accattivante, originale e memorabile per catturare l’attenzione del pubblico. È importante sviluppare un concept che trasmetta in modo chiaro il messaggio chiave e il valore del prodotto o del servizio offerto.

La scelta dei canali di distribuzione è altrettanto importante. Bisogna identificare i mezzi di comunicazione più appropriati per raggiungere il pubblico target, che possono includere la televisione, i social media, la pubblicità online, la stampa, e altro ancora. La coerenza del messaggio attraverso tutti questi canali è fondamentale per rafforzare l’efficacia della campagna.

La misurazione dei risultati è l’ultimo passo cruciale. È necessario monitorare attentamente l’andamento della campagna, raccogliendo dati come le visualizzazioni, l’engagement, le conversioni, e il ritorno sull’investimento (ROI). Questi dati consentiranno di apportare eventuali miglioramenti e di ottimizzare la campagna per massimizzare il suo impatto.

Campagne pubblicitarie famose: 10 spot più belli di sempre

Quali sono le campagne pubblicitarie e gli spot che sono restati nella storia? Per rispondere a questa domanda abbiamo realizzato una lista dei 10 spot più belli di sempre.

Ogni spot pubblicitario in questa lista ha catturato l’immaginazione del pubblico a modo suo, utilizzando tecniche creative e storytelling per trasmettere messaggi memorabili.

Apple - "1984" (1984)

L’annuncio di Apple intitolato “1984,” diretto dal celebre regista Ridley Scott, occupa una posizione di spicco nella storia della pubblicità. Questo spot, girato nel 1984, è rimasto nel cuore del pubblico come uno dei migliori di tutti i tempi. 

Ciò che rende questa campagna pubblicitaria così straordinaria è la sua capacità di trasmettere un messaggio potente e di provocare una reazione emotiva. Realizzato con un budget considerevole di 900.000 dollari per l’epoca, questo spot è stato trasmesso durante il Super Bowl, uno degli eventi televisivi più seguiti negli Stati Uniti. 

Questa scelta strategica ha garantito un’ampia visibilità all’annuncio, raggiungendo milioni di spettatori. Il fatto che Apple abbia investito in modo così significativo in questa campagna dimostra quanto fosse importante per l’azienda.

Il tema principale di “1984” è la ribellione contro il conformismo. Il mondo immaginato nell’annuncio è un luogo grigio e totalitario, evocante il famoso romanzo “1984” di George Orwell. In questo scenario, una donna audace con un martello si lancia in una rivolta, distruggendo uno schermo gigante in cui viene mostrato un leader totalitario. Questa figura autoritaria rappresenta il “Grande Fratello” e l’omologazione della società.

L’elemento chiave di questa campagna è che, al culmine della ribellione, viene presentato il primo Macintosh, il computer personale di Apple. Questo momento sottolinea la visione di Apple come un’alternativa rivoluzionaria al conformismo e all’omologazione rappresentati dal “Grande Fratello.” 

La frase finale, “On January 24th, Apple Computer will introduce Macintosh. And you’ll see why 1984 won’t be like 1984” ha catturato l’attenzione e l’immaginazione del pubblico.

Coca-Cola - "Hilltop" (1971)

La campagna pubblicitaria Coca-Cola “Hilltop,” creata nel 1971, è uno dei momenti iconici nella storia della pubblicità. Questo spot celebra il concetto di unità e diversità attraverso la potente canzone “I’d Like to Buy the World a Coke.” 

Ciò che rende questa campagna così significativa è la sua capacità di connettersi a livello emotivo con il pubblico, trasmettendo un messaggio di pace e armonia in un momento storico caratterizzato da tensioni globali.

La campagna è stata girata in Italia e ha coinvolto centinaia di giovani cantanti e ballerini provenienti da tutto il mondo. Questa scelta è stata cruciale nel trasmettere il messaggio di unità, poiché rappresentava una varietà di culture e nazionalità che si univano intorno a una bevanda comune, Coca-Cola. 

L’immagine di giovani persone di diversa etnia che si riuniscono su una collina per cantare insieme ha colpito il pubblico in modo potente. La canzone stessa, “I’d Like to Buy the World a Coke,” è diventata un successo internazionale e ha contribuito a definire la campagna. 

Il testo della canzone parlava di “comprare al mondo una Coca-Cola e tenerla compagnia” suggerendo che la condivisione di una bevanda poteva contribuire a creare legami tra le persone. Questo messaggio positivo e ottimista ha reso Coca-Cola un simbolo di amicizia e apertura verso il mondo.

La campagna ha dimostrato l’efficacia della musica nella pubblicità. La canzone ha trasportato il messaggio in modo memorabile ed emotivo, contribuendo a creare un’associazione positiva tra Coca-Cola e i valori di unità e condivisione. 

“Hilltop” è diventato un punto di riferimento nella pubblicità e ha stabilito un nuovo standard per la capacità delle campagne pubblicitarie di toccare il cuore del pubblico e lasciare un’impronta duratura. La sua eredità dura ancora oggi, dimostrando come una campagna pubblicitaria ben concepita possa andare oltre il prodotto e trasmettere un messaggio che si collega alle emozioni e ai valori fondamentali delle persone.

Nike - "Just Do It" (1988)

La campagna pubblicitaria “Just Do It” del 1988 di Nike rappresenta un punto di svolta nella storia della pubblicità e del marketing. Questo spot ha introdotto uno dei slogan più iconici e riconoscibili al mondo: “Just Do It”. 

Ma cosa rende questa campagna così memorabile e influente? Innanzitutto è stato un annuncio audace nella sua semplicità. La scelta di presentare Walt Stack, un corridore amatoriale anziano, invece di un atleta professionista di élite, ha colpito nel segno. 

Ha dimostrato che Nike è un marchio che abbraccia l’atletismo a tutti i livelli, da coloro che si dilettano nel jogging quotidiano agli atleti olimpionici. Questo messaggio inclusivo è diventato un pilastro della strategia di marketing di Nike, stabilendo un collegamento emotivo con un vasto pubblico di appassionati di sport.

In secondo luogo l’uso del motto “Just Do It” è stato rivoluzionario. Questa frase di tre semplici parole è diventata un inno all’azione e alla determinazione. Ha ispirato le persone a superare le proprie sfide, a mettersi alla prova e a perseguire i propri obiettivi. 

La forza del messaggio è nella sua universalità: può essere applicato a qualsiasi aspetto della vita, non solo allo sport. Questa versatilità ha permesso a Nike di creare un legame emotivo profondo con il pubblico.

La campagna “Just Do It” è stata supportata da un’efficace esecuzione visiva. L’uso di immagini e video coinvolgenti ha contribuito a trasmettere il messaggio in modo memorabile. Inoltre l’approccio di Nike di associare il suo logo all’ispirazione e alla determinazione ha stabilito un nuovo standard nel branding. Ogni volta che qualcuno vede il logo Nik, è probabile che venga istintivamente connesso all’idea di “Just Do It”.

Old Spice - "The Man Your Man Could Smell Like" (2010)

Questo spot è stato una pietra miliare nella pubblicità grazie a una combinazione di fattori chiave. La scelta dell’attore Isaiah Mustafa, con il suo fisico scolpito e il suo tono ironico, ha catturato l’attenzione del pubblico. L’intero spot è stato girato in un’unica ripresa, dimostrando una notevole abilità di produzione.

La sua struttura di un’unica ripresa ha reso l’annuncio fluido e senza interruzioni, contribuendo a mantenere l’attenzione dello spettatore. L’umorismo è stato al centro della campagna, con battute sagaci e uno stile eccentrico che si distingue dalle campagne pubblicitarie tradizionali. Questo ha fatto sì che lo spot fosse condiviso e discusso su larga scala sui social media.

La campagna è stata ulteriormente alimentata dalla sua interazione con il pubblico. Old Spice ha avviato una campagna di risposta diretta, in cui Isaiah Mustafa ha appunto risposto a domande e commenti dei fan tramite video personalizzati. Questo ha creato un coinvolgimento diretto con il pubblico e ha alimentato il fenomeno virale.

L’uso di un umorismo eccentrico, l’efficacia di una ripresa senza soluzione di continuità e l’interazione con il pubblico hanno trasformato uno spot pubblicitario in un fenomeno culturale. Ha dimostrato come la creatività e l’originalità possano portare il successo nelle campagne pubblicitarie, oltre a ridefinire il modo in cui le aziende si connettono con il loro pubblico.

Volkswagen - "The Force" (2011)

L’annuncio “The Force” di Volkswagen, trasmesso durante il Super Bowl, è un esempio di come una campagna pubblicitaria ben concepita possa sfruttare l’umorismo e la connessione con la cultura pop per diventare un fenomeno virale. Questo spot è stato creato dalla società di pubblicità Deutsch Inc. ed è stato uno dei momenti salienti del Super Bowl di quell’anno.

L’idea principale di questo annuncio era semplice ma geniale: un giovane ragazzo vestito come Darth Vader, il famoso personaggio di Star Wars, tenta di usare la “forza” per accendere vari oggetti nella sua casa, senza successo. Tuttavia quando si avvicina all’auto Volkswagen Passat, sembra riuscire nell’impresa quando l’auto si accende magicamente, grazie in realtà all’aiuto del padre che aziona il telecomando dall’interno di casa.

Questo annuncio ha avuto successo per diverse ragioni. Innanzitutto ha sfruttato la connessione con una delle saghe cinematografiche più amate e conosciute al mondo, Star Wars, suscitando empatia tra gli spettatori. Il giovane Darth Vader aspirante ha rappresentato l’infanzia e il desiderio di poter fare cose straordinarie, un sentimento universale. Questo ha fatto sì che il pubblico si identificasse con il personaggio, generando empatia e simpatia per il marchio.

Inoltre l’uso dell’umorismo è stato fondamentale per il successo dello spot. L’idea di un bambino che pensa di poter usare la “forza” per accendere un’auto è genuinamente divertente e ha attirato l’attenzione del pubblico. Il momento in cui l’auto si accende magicamente ha un grande impatto comico.

Il fatto poi che questo spot sia stato trasmesso durante il Super Bowl, uno degli eventi sportivi più seguiti e conosciuti al mondo, ha garantito una vasta visibilità. Il pubblico del Super Bowl è enorme, e questo annuncio ha catturato l’attenzione di milioni di persone in tutto il mondo.

McDonald's - "I'm Lovin' It" (2003)

La campagna pubblicitaria di McDonald’s intitolata “I’m Lovin’ It,” lanciata nel 2003, è un esempio paradigmatico di come una pubblicità possa comunicare un messaggio semplice ma efficace. Questa campagna ha rafforzato il marchio McDonald’s come un luogo di felicità e piacere culinario, creando un’associazione diretta tra l’esperienza del consumatore e la gioia di mangiare al ristorante fast-food. 

Ciò che ha reso questa campagna straordinariamente riuscita è stato il suo uso di una delle più potenti leva comunicative: la musica. La scelta di coinvolgere Justin Timberlake, una celebrità di fama mondiale, ha aggiunto un elemento di glamour e fama all’annuncio. 

Il brano musicale che accompagna la campagna, con la sua orecchiabilità e ritmo coinvolgente, ha reso lo spot memorabile e facilmente riconoscibile. L’effetto combinato della musica e della presenza di Timberlake ha creato un’esperienza pubblicitaria coinvolgente per il pubblico.

La semplicità del messaggio, espresso attraverso la frase “I’m Lovin’ It,” ha reso il brand McDonald’s immediatamente identificabile e ha creato un legame emotivo con i consumatori. Questa semplicità ha reso il messaggio accessibile a un pubblico ampio e ha contribuito a consolidare l’immagine di McDonald’s come luogo di divertimento e piacere culinario per persone di tutte le età.

Questa campagna è diventata uno dei più grandi successi di McDonald’s, non solo a livello pubblicitario ma anche come elemento chiave della sua identità di marca. “I’m Lovin’ It” ha dimostrato che la pubblicità può influenzare positivamente le percezioni dei consumatori e creare un legame duraturo tra un brand e il suo pubblico attraverso l’uso intelligente di elementi come la musica, le celebrità e un messaggio semplice ma potente.

CERCHI PUBBLICITà PIù EFFICACI?

Dove - "Real Beauty Sketches" (2013)

La campagna “Real Beauty Sketches” di Dove rappresenta un esempio di marketing che ha saputo toccare le corde emotive del pubblico. Questa campagna ha cercato di affrontare direttamente le questioni legate all’autostima delle donne, rivelando una discrepanza notevole tra come le donne vedono se stesse e come gli altri le vedono. 

L’idea alla base dello spot era semplice ma potente: diverse donne venivano invitate a descriversi a uno sketch artist, il quale le disegnava basandosi unicamente sulla loro descrizione verbale. Successivamente, altre persone venivano chiamate a descrivere queste stesse donne, ma da un punto di vista oggettivo. Alla fine, venivano mostrati i due disegni, svelando che le descrizioni oggettive davano luogo a ritratti più belli e positivi rispetto a quelli basati sulla percezione personale.

L’effetto di questa campagna è stato straordinario. Ha suscitato discussioni sulla pressione sociale che spinge le donne a vedere se stesse in modo negativo, promuovendo l’idea che la bellezza è soggettiva e che le donne sono molto più attraenti di quanto credano. 

La campagna ha utilizzato un approccio basato sulla psicologia e sull’auto-empowerment, creando un impatto profondo ed emozionale sul pubblico. È stato anche un esempio di come la pubblicità possa essere utilizzata per promuovere messaggi positivi e socialmente rilevanti, oltre a promuovere il marchio. 

Il video ha raggiunto milioni di visualizzazioni su YouTube ed è stato ampiamente condiviso sui social media, dimostrando come una campagna pubblicitaria può avere un impatto significativo nella promozione di valori positivi.

Budweiser - "Puppy Love" (2014)

Questo spot pubblicitario di Budweiser è diventato un’icona della pubblicità televisiva grazie alla sua capacità di toccare le corde emotive degli spettatori. La campagna è stata realizzata con grande attenzione ai dettagli e con una narrativa che fa leva sul potere dell’amicizia. 

Nel cuore dello spot, c’è l’incontro di un cucciolo di Golden Retriever e un magnifico cavallo da tiro Clydesdale, che si svolge in un ambiente rustico e affascinante. L’annuncio è stato realizzato con un vero cucciolo, il che ha comportato un’attenta pianificazione e gestione degli animali sul set per garantire la loro sicurezza e benessere. La scelta di utilizzare animali vivi ha contribuito a rendere la storia ancora più autentica e coinvolgente per il pubblico.

La narrazione è costruita attorno all’amicizia insolita tra il cucciolo e il cavallo. Il cucciolo inizia a scappare dal suo rifugio per fare visita al cavallo, creando una connessione speciale. La sequenza culmina quando il cucciolo viene adottato dal cavallo, dimostrando il tema della solidarietà e dell’amicizia.

La scelta della musica è stata altrettanto importante per creare un’atmosfera emozionante. Lo spot utilizza la canzone “Let Her Go” dei Passenger, che sottolinea la bellezza e la profondità dell’amicizia tra le due creature.

L’annuncio ha sfruttato il Super Bowl come piattaforma di lancio, ottenendo un’enorme visibilità. La sua capacità di evocare emozioni autentiche ha reso questo spot uno dei preferiti dal pubblico, dimostrando come una storia coinvolgente e ben realizzata possa creare un impatto duraturo nella mente dei consumatori. La campagna è stata anche supportata da una forte presenza sui social media, incoraggiando il coinvolgimento degli spettatori e la condivisione del messaggio di amicizia.

Chrysler - "Imported from Detroit" (2011)

Questo celebre spot è stato lanciato durante il Super Bowl del 2011 ed è noto per la sua potente rappresentazione dell’orgoglio e della resilienza di Detroit, una città che ha affrontato sfide economiche significative. La campagna ha scelto come protagonista Eminem, un nativo di Detroit e uno degli artisti musicali più iconici della città.

L’uso di Eminem come figura centrale ha aggiunto un elemento di autenticità e riconoscimento culturale alla campagna. L’annuncio è stato girato nelle strade di Detroit, mostrando quartieri e paesaggi urbani, sottolineando l’identità della città e il suo spirito indomito. Questo è stato un importante messaggio simbolico: Detroit non solo è sopravvissuta alle avversità ma è rinata con forza.

La colonna sonora dello spot ha presentato la canzone “Lose Yourself” di Eminem, che ha ulteriormente enfatizzato il legame tra il rapper e la città. L’uso delle immagini, della musica e del celebre slogan “Imported from Detroit” ha trasformato questo spot in un inno all’orgoglio cittadino e all’industria automobilistica americana.

La campagna ha avuto un impatto significativo sia a livello di vendite di veicoli Chrysler che in termini di rinascita dell’orgoglio locale a Detroit. Ha dimostrato come la pubblicità possa servire non solo a promuovere un prodotto, ma anche a rafforzare l’identità di una comunità e a ispirare un senso di appartenenza. 

John Lewis - "The Long Wait" (2011)

Questo spot natalizio britannico è un esempio sorprendente di storytelling emozionale. La campagna ha affrontato il tema dell’attesa con un tocco di magia e tenerezza. La storia è incentrata su un giovane, che, con grande impazienza, conta i giorni che mancano a Natale. La sua anticipazione e la sua ansia sono palpabili, e il pubblico si trova ad affezionarsi immediatamente a questo personaggio.

La forza di questo spot risiede nel suo potere di connettersi con le emozioni umane universali. Chiunque può riconoscersi nell’emozione dell’attesa, soprattutto durante il periodo natalizio. La campagna utilizza questa connessione emotiva per coinvolgere il pubblico in un viaggio, dove l’attesa è ricompensata con un gesto di amore e generosità.

La colonna sonora svolge un ruolo cruciale nell’evocare emozioni. È stata scelta la canzone “Please, Please, Please, Let Me Get What I Want” degli Smiths, una scelta che ha catturato perfettamente l’atmosfera di ansia e speranza. La musica aggiunge profondità all’esperienza visiva, trasmettendo sentimenti in modo potente.

L’uso di un narratore, che rivela il vero scopo dell’attesa del giovane, aggiunge un elemento sorprendente alla trama. L’annuncio non si limita a emozionare il pubblico; fa anche riflettere sul significato più profondo del Natale e sull’importanza di regali che vanno oltre il materiale.

Nel complesso, “The Long Wait” di John Lewis dimostra come una campagna pubblicitaria possa essere molto di più di uno strumento di marketing. Può essere una narrazione coinvolgente, in grado di toccare le corde del cuore e di lasciare un’impressione duratura, offrendo una lezione di storytelling e coinvolgimento emozionale nel mondo della pubblicità.

Iscriviti gratuitamente alla Newsletter di Quiver Marketing

Unisciti a noi per ricevere le news e conoscere i nuovi trend del Digital Marketing e del Growth Hacking! Centinaia di utenti stanno già ricevendo idee, strategie e contenuti per crescere online. Cosa aspetti? Unisciti a loro e iscriviti ora!

Conclusioni

In questo viaggio attraverso le campagne pubblicitarie famose, abbiamo esplorato alcuni dei migliori spot pubblicitari mai realizzati. Ogni campagna ha portato con sé la sua unicità e ha lasciato un’impronta indelebile nel mondo dell’advertising. Dall’epico “1984” di Apple, che ha segnato l’inizio di una nuova era tecnologica, alla commovente amicizia tra cuccioli e cavalli nell’annuncio di Budweiser, queste campagne hanno dimostrato il potere della creatività e della narrativa nella pubblicità. Le campagne pubblicitarie non sono solo mezzi per promuovere prodotti o servizi, ma vere e proprie opere d’arte che possono ispirare, commuovere e coinvolgere il pubblico. Ci hanno mostrato che una storia ben raccontata può avere un impatto duraturo sulla memoria collettiva.

quiver marketing team

FAQ - Domande frequenti

La campagna pubblicitaria più costosa mai realizzata è stata quella di Chanel per il profumo Chanel No. 5, con protagonista Nicole Kidman. Si stima che il costo totale sia stato di oltre 42 milioni di dollari.

Una delle campagne pubblicitarie più virali di tutti i tempi è The Force di Volkswagen, presentata durante il Super Bowl nel 2011. Ha accumulato milioni di visualizzazioni online grazie al suo umorismo e alla sua connessione con la cultura pop.

La campagna I’m Lovin’ It di McDonald’s, lanciata nel 2003 con Justin Timberlake, ha avuto un impatto duraturo. Lo slogan è diventato un marchio registrato del marchio e continua a essere associato a McDonald’s in tutto il mondo.

Il segreto dietro una campagna pubblicitaria di successo risiede nella combinazione di creatività, storytelling efficace, comprensione del pubblico target e misurazione accurata dei risultati. Una pianificazione strategica e una distribuzione mirata attraverso i canali giusti sono fondamentali per ottenere risultati positivi.

Un Team di specialisti in Performance Marketing al tuo fianco per far crescere
vendite e fatturato del tuo business online.

Seguici sui Social

© Copyright 2023 – Quiver Marketing srl, Via Occidentale 150/E – 66016 Guardiagrele (CH) – P.IVA 02778000691

Privacy PolicyCookie Policy

Iscriviti per ricevere le news e conoscere i nuovi trend del Digital Marketing e del Growth Hacking!

Centinaia di utenti stanno già ricevendo idee, strategie e contenuti per crescere online. Cosa aspetti? Unisciti a loro e iscriviti ora!

Compila il Form

Ricevi 30 minuti di consulenza gratuita con uno dei nostri
marketing e content manager .

CASO STUDIO

 

Abbiamo dedicato un po’ del nostro tempo a mettere per iscritto uno tra i lavori di cui andiamo più fieri.

Vuoi ottenere gratis una strategia utile a far crescere il tuo fatturato online?

Sono 15 minuti di lettura ricchi di spunti utili. 

Scaricala subito.